CREACTIVITAS

6 dicembre 2014

FEEDING CREATIVITY – OUTPUT FINALI

I designers  e i makers creativi dell’artigianato pugliese si incontrano, a Bari all’Officina degli Esordi, per immaginare nuove modalità  produttive e nuovi scenari per  valorizzare il territorio.
B29bHiaCUAA4hJf

Qualche settimana fa una parte del nostro team è stata a Bari per  Feeding Creativity, un seminario e workshop di due giorni sul tema del Design e dell’Artigianato. Oltre ad essere presente nei ruoli di discussant e facilitator con Fabio Borghese e Claudio Calveri, Creactivitas ha curato la parte di active reporting e digital storytelling. Potete consultare tutti i materiali raccolti nella nostra Mural.ly (clicca qui). Inoltre potete accedere alla Prezi (clicca qui) e lo Storify (clicca qui). 

Parlare di creatività e di industrie creative oggi vuol dire considerare un pezzo importante di quello che può essere il motore di sviluppo per la crescita sociale, economica e sostenibile dell’Italia (e non solo). Va ricordato ,come evidenzia “Io sono Cultura” Rapporto Symbola  2014 che l’intera filiera  della cultura genera il 5,4% del PIL italiano in maniera diretta .In via indiretta arriva ,addirittura , al 12,5% del PIL in quanto è in grado di orientare e generare valore economico anche in una serie  di settori, da quelli più affini (ad es. la moda,il food  e i prodotti di lusso) a quelli che sembrerebbero più lontani elettivamente (la domanda dell’elettronica di consumo è data proprio dalle industre creative, che con le loro funzionalità aggiuntive e le app, ad esempio, sono in grado di sviluppare ed orientare i mercati). Ciò vale anche per le produzioni artigiane,  che grazie all’aiuto di un’industria creativa come il design, inteso sia come design di prodotto, sia soprattutto come metodologia di approccio ai problemi (il cosiddetto design thinking), sono in grado di dare quel boost competitivo in grado di posizionare le imprese sullo scacchiere internazionale. Continua a leggere →

Commenti disabilitati su FEEDING CREATIVITY – OUTPUT FINALI

30 maggio 2014

CREATIVITA’, CULTURA E IMPRESA – CREACTIVITAS AD AVANZI

cultura_banner-300x140

CreActivitas a Milano, presso la sede di AvanziMake a Cube, habitat di incubazione d’impresa a base culturale, creativa e sostenibile, tra i più interessanti attualmente in attività sul suolo italico, per un duplice scopo: da un lato lavorare ad una riunione allargata con una serie di partner nazionali ed internazionali al fine di sviluppare un nuovo modello internazionale di incubazione creativa, e dall’altro partecipare all’incontro pubblico sui temi di cultura e startup organizzato dall’incubatore milanese.

Nella prima parte della giornata si è svolto un workshop avente ad oggetto lo sviluppo di un nuovo modello di incubazione culturale e creativa focalizzato sul concetto di idea generation, con l’obiettivo di creare un benchmark internazionale; hanno partecipato ai lavori Giovanni Petrini, Principal di Avanzi e Senior Tutor di Make a Cube, Giorgia Turchetto, docente de “La Sapienza” e direttrice del Master in Digital Heritage, Claudio Calveri, responsabile del progetto Napoli Città della Letteratura UNESCO e CoFounder di Creactivitas, Fabio Borghese Founder di Creactivitas, Marco Leonetti, esperto di creazione di impresa, Antonio Venece direttore IED Roma e Claudio Amenta di Makers. Il progetto prende le mosse dal lavoro compiuto a Ravello Lab 2013, dove una serie di partners internazionali ha ragionato sul superamento del modello EBN per l’incubazione d’impresa a base culturale e creativa. Questi ragionamenti, integrandosi con quelli effettuati da Avanzi, da Creative Clusters e dagli altri partner coinvolti, hanno gettato le basi per un modello che si proponga di seguire il processo d’incubazione e di startup a partire dall’idea e della sua profilazione, attraverso la metodologia del design thinking, fino ad arrivare alla creazione del business plan e della creazione di un pitch con cui attrarre potenziali investitori. Continua a leggere →

Commenti disabilitati su CREATIVITA’, CULTURA E IMPRESA – CREACTIVITAS AD AVANZI

15 aprile 2014

ITINERARI SENESI TRA LETTERATURA E INNOVAZIONE

10003495_10203625553949512_5052506697277709294_n

10 aprile

Il professor Fabio Borghese e il dottor Claudio Calveri mi aspettano davanti al negozio di Moleskine alla stazione di Napoli Centrale. I residui del mio credito residuo non mi permettono una telefonata circostanziata, di quelle “arriva-qui-vai-a-destra”, “arriva-lì-vai-a-sinistra”. Sicché, devo sbrigarmela con gli sms. Incapace di raggiungerle, faccio desistere le mie guide: per venire incontro alla mia sbadataggine, mi indicano il binario, e ci vediamo lì.

Siamo in viaggio alla volta di Siena, dove Creactivitas si occuperà di documentare tre giorni di letteratura, più o meno convenzionale: iniziative all’insegna della creatività e della valorizzazione del patrimonio storico e culturale sono state organizzate nell’ambito della candidatura della città a Capitale Europea della Cultura (http://www.2019si.eu). Entreremo nel dettaglio più tardi. (Anche perché, a questo punto della storia, ne so poco anche io). Per il momento, il verde italiano scorre via, aereo, lisergico, dal finestrino. Nonostante le poche ore di sonno, non si dorme: si progetta, si programma, si predispone il lavoro. E si parla di pallone, di cinema, di più, di meno, di tutto, di nulla.

1897836_10203625558829634_3677026591106382695_n

Giunti al quartier generale della candidatura, nei padiglioni sotterranei del complesso di Santa Maria della Scala, il professor Pier Luigi Sacco e la sua efficiente unità operativa ci accolgono per la prima riunione, riusciamo anche a salutare Anna Carli, instancabile, donna di contagiosa energia. Nei tre giorni che seguiranno, Siena sarà il teatro di #Bookkupy: non capisco subito di cosa si stia parlando. Sento volare parole tipo storytelling, writemob, addirittura Twitteratura, sono un po’ spaesato, ma mi sento al sicuro, perché le persone attorno a me mi danno l’impressione di avere la situazione sotto controllo. Prendo qualche appunto veloce, Giulia mi mostra le stanze affrescate che affacciano sulla piazza del Duomo (e mi indica la ricchissima mostra di Sergio Staino, che vado a visitare col professor Borghese), mi faccio un’idea delle condizioni di luce che ci saranno quando dovrò girare, sciogliamo la seduta, ci salutiamo. Continua a leggere →

Commenti disabilitati su ITINERARI SENESI TRA LETTERATURA E INNOVAZIONE

15 settembre 2013

TUTTI PRONTI PER MADI? CONCORSO DI IDEE INNOVATIVE PER CAMPI FLEGREI!

Si terrà martedì 17 settembre alle ore 17:00  un altro appuntamento di Madi – Malazè Discovering Ideas, il progetto nato all’interno di Malazè, l’evento archeo-enogastronomico dei Campi Flegrei. L’evento si terrà all’Hotel cala Moresca in via Faro 44 a Bacoli (Napoli). 

1232502_10201747422634684_1065338225_n

Ad introdurre la giornata e il Contest sarà il direttore scientifico di Creactivitas Fabio Borghese, nonché Project Manager del progetto Madi; seguono gli interventi di Vincenzo Figliolia (sindaco di Pozzuoli), Ermanno Schiano (sindaco di Bacoli), Francesco Paolo Iannuzzi (sindaco di Monte di Procida) e Rosario Mattera (organizzatore di Malazè).

Lo step successivo sarà la presentazione del Rapporto Fondazione Symbola 2013: “Io sono cultura. L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi” con Fabio Renzi (segretario generale Fondazione Symbola) e Domenico Sturabotti (direttore generale Fondazione Symbola).

Terzo step la presentazione di “Madi – imprese, territorio e sviluppo culture driven: scenari ed orientamenti”, dove interverranno Claudio Bocci (direttore sviluppo e relazioni internazionali di Federculture), Carlo Infante (presidente Urban Experience), Marco Leonetti (esperto creazione di impresa di Campania Innovazione), Ettore De Lorenzo (giornalista e scrittore), Francesco Escalona (architetto territorialista),  Roberto Esposito (Ceo DeRev).

Cos’è il Madi con il Malazè Discovering ideas?

Tutti sono chiamati a formulare idee per la costruzione del Distretto Culturale e per favorire la messa a sistema e a valore delle straordinarie risorse, materiali e immateriali, del territorio. Gli ambiti tematici in cui formulare i progetti sono:  ambiente, food, cultura, social business, artigianato e mestieri, educational. Il concorso è aperto a tutti: persone singole o in gruppo, associazioni, imprese e scuole. Il termine ultimo per la presentazione delle idee è il 20 settembre.

I migliori progetti saranno presentati durante un evento finale e una Commissione Consultiva, formata da autorevoli esperti, esprimerà un parere di valutazione e suggerimenti per il successivo sviluppo e indirizzo dei progetti.

I progetti verranno inseriti nella pubblicazione “Madi –Catalogo delle idee dei Campi Flegrei Creativi”. Il catalogo sarà presentato entro il 2013, e sarà messo a disposizione di chi è interessato a sostenere e sviluppare le idee presentate.

Il Team del Madi: Fabio Borghese (project manager), Costantino Sgamato (visual communication), Giannantonio Scotto di Vetta  (operation manager), Claudio Calveri  (content management), Antonio Russo De Vivo  (communication).

Questo evento è tenuto in collaborazione con Creactivitas e con tanti altri importantissimi partners: Fondazione Symbola, Federculture, Campania Innovazione, DeRev.com, BraInEarth, Urban Experience, Comune di Pozzuoli, Comune di Bacoli, Comune di Monte di Procida.

Il team di Creactivitas che seguirà l’evento vi terrà informati sulla giornata del 17! Cosa state aspettando? Lasciatevi guidare dalle vostre idee!

Per maggiori informazioni

visita la pagina facebook di Madi – Malazè Discovering Ideas

Il Team di Creactivitas

Commenti disabilitati su TUTTI PRONTI PER MADI? CONCORSO DI IDEE INNOVATIVE PER CAMPI FLEGREI!

14 aprile 2013

PULSE ON CAMPUS #DeRevMood – DeRev: INTERNET PER DARE POTERE ALLE IDEE

Dopo una breve pausa pasquale, Pulse On riprende la sua attività al Campus di Fisciano con un secondo step, un secondo #mood, una nuova iniziativa: #DeRevmood.

_DSC0060

Lunedì 8 Aprile, alle ore 11.30, nel centro ICT d’Ateneo è stata presentata, previo un saluto istituzionale dal prof. Massimo De Santo e dal prof. Fabio Borghese, dai suoi tre membri principali – Roberto Esposito, CEO di DeRev, Claudio Calveri, content manager e Nicola Ucciero – la piattaforma DeRev. Quest’ultima nasce da un’idea di Roberto Esposito, il quale si prefigge come obbiettivo quello di utilizzare la rete per portare a conoscenza, valorizzare e ampliare idee rivoluzionarie, che possano apportare benefici e cambiamenti utili alla nostra società.

DeRev si presenta, così, come una piattaforma di crowdfunding (finanziato dalla massa) che, a differenza delle altre già esistenti, segue il progetto in tutte le sue fasi: visibilità, supporto tecnico, finanziamenti e dialogo con gli esperti. Chiunque voglia proporre la sua rivoluzione deve registrarsi al sito e presentare il suo progetto, che verrà poi giudicato idoneo o meno dal team DeRev per poter essere pubblicato sulla piattaforma.

_DSC0035

I guadagni economici per DeRev provengono dagli sponsor pubblicitari e da una piccola percentuale, che la piattaforma trattiene qualora il progetto ospitato dal portale abbia raggiunto l’obbiettivo prefissato. La startup finora ha ottenuto finanziamenti per 1,25 milioni di euro dal fondo Vertis Venture e da un gruppo di imprenditori privati. Il tutto grazie alla figura di Roberto Esposito, il quale si è presentato con un curriculum ricco di esperienze nel settore: recordman di facebook con oltre 560mila commenti sotto lo stesso post;  3 milioni di fan su facebook; una startup realizzata in precedenza rivenduta a 200 volte l’investimento iniziale; collaboratore di Greenpeace International per convincere facebook a ricavare elettricità da fonti rinnovabili; curatore della comunicazione e del marketing dell’America’s Cup di Napoli.

_DSC0057

Il lancio del progetto è avvenuto lo scorso Agosto e finora si presenta come luogo virtuale d’incontro per persone che non si conoscono, ma che condividono uno stesso obiettivo. A questo proposito è bene evidenziare anche due altre iniziative di DeRev: lo Speaker’s Corner in cui chiunque può creare trasmissioni in streaming audio/video per poter interagire con i propri spettatori; la Raccolta Firme per ottenere consensi a determinate proposte. Bisogna precisare che, qualora si vogliano utilizzare queste firme per una petizione popolare, il metodo non è ancora riconosciuto legalmente, ma lo sarà dal 2015.

_DSC0058

DeRev permette, in conclusione, ad ognuno di noi di poter proporre, essere, fare, condividere e sostenere un cambiamento.

Vi ricordiamo il prossimo appuntamento di Pulse On campus con  #UrbanMood! Stay Tuned!

Ivana Ziello

Commenti disabilitati su PULSE ON CAMPUS #DeRevMood – DeRev: INTERNET PER DARE POTERE ALLE IDEE