CREACTIVITAS

28 marzo 2017

the smart project | open innovation for passenger experience

L’idea in breve

L’aeroporto Internazionale di Napoli esplora nuovi paesaggi e forme di innovazione, aprendosi a nuovi approcci di partecipazione con i clienti e la comunità locale, al fine di co-creare valore originale per i passeggeri.

The SMART Project

(Smooth, Memorable, Authentic expeRience in Travel) è un progetto di open innovation promosso dall’Aeroporto Internazionale di Napoli per attivare la partecipazione attiva della comunità locale e degli utenti dell’aeroporto al fine di costruire con essi, secondo la logica del co-design, una visione comune dell’aeroporto del futuro. Road show e call for ideas, gli elementi principali del progetto La partecipazione al progetto è stata stimolata e sostenuta da una campagna di comunicazione cross-mediale, con contenuti per il web e i social media. Il processo è stato rafforzato e reso più efficace da un road show di animazione territoriale pianificata in collaborazione con università, organizzazioni industriali e sociali della Regione Campania. Durante il tour di dieci tappe, sono stati incontrati più di 700 giovani – tra progettisti, ingegneri, economisti, giovani imprenditori e artisti – a cui è stato chiesto di identificare metodi innovativi e creativi per soddisfare al meglio le esigenze degli utenti dell’aeroporto di Napoli, concentrandosi su nuove modalità per aumentare il valore in una delle tre fasi dell’esperienza dei passeggeri: – Funzionalità: servizi che migliorano l’efficienza e l’efficacia dei processi aeroportuali – Fruibilità: servizi che possano rendere più agevole l’esperienza di viaggio – Unicità: servizi, eventi e attività che possano rendere unica e autentica la passenger experience In seguito alla call, sono arrivate 61 idee creative, di cui otto sono state selezionate da una commissione multidisciplinare.

Metodologia

Una metodologia innovativa, appositamente progettata per accrescere valore per i passeggeri, è stata l’impostazione strategica del programma. Co-design, Visual thinking, gaming e storytelling sono alcuni degli strumenti utilizzati per affinare le idee dando vita ad un processo multidisciplinare di fusione di design thinking, creatività e business modelling. Gli otto team selezionati hanno avuto l’opportunità di rivedere, completare e convalidare le proprie idee durante sei workshop appositamente progettati, ciascuno focalizzato su uno specifico argomento utile per modellare il prototipo di servizio. Tutti i laboratori, grazie al pensiero integrativo e all’approccio di competizione giocosa, hanno portato un’interazione dinamica tra le squadre. I workshop hanno prodotto una progressiva maturazione della value proposition delle idee e hanno contribuito alla definizione della fattibilità di attuazione efficace all’interno di una struttura aeroportuale. Questa interazione ha sviluppato un risultato sorprendente: la fusione di più idee integrate in un nuovo servizio ai passeggeri.

I risultati e i benefici

Le idee finali sono state presentate in forma di storytelling. I giovani innovatori hanno esposto le idee con una video-presentazione e un pitch di fronte a un pubblico qualificato di esperti aeroportuali, istituti finanziari, professori universitari e altri soggetti interessati. Tutte le attività del progetto sono state trasmesse e documentate in tempo reale, attraverso l’uso combinato di un blog, di Facebook e un diario Storify. Alla fine della manifestazione sono stati assegnati tre premi. Quello più ambito, assegnato dal comitato di valutazione, ha premiato l’idea che sta per essere realizzata all’interno dell’aeroporto nei prossimi mesi. Si tratta di KaleidoCity, un’installazione permanente composta da un tunnel multisensoriale nel quale il viaggiatore vive la città di Napoli sotto forma di una realtà immersiva composta di immagini, suoni e odori.

The SMART Project vede la collaborazione di ACI Airport Council International Europe, Città della Scienza, Creactivitas Creative Economy Lab, ADI Associazione per il Disegno Industriale e la partecipazione degli Atenei campani e delle comunità di innovatori del territorio.

The SMART Project ha ricevuto il premio INNOVAZIONE SMAU 2016 come best practice di open innovation

Nella foto i componenti dello SMART team: Marco Leonetti, Antoni Pascale e Fabio Borghese ritirano il premio SMAU.

http://www.aeroportodinapoli.it/smart

Commenti disabilitati su the smart project | open innovation for passenger experience

9 ottobre 2014

L’EVENTO COME ACCELERATORE DELLO SVILUPPO INNOVATIVO DEI TERRITORI

Riflessioni sul programma ECoC e le candidature italiane  in attesa della selezione definitiva del 17 ottobre che aggiudicherà il titolo di Capitale Europea della Cultura 2019

 Borghese

L’evento è una modalità progettuale multidimensionale e uno strumento di accelerazione a sostegno dei processi di sviluppo dei territori. Può contribuire all’elaborazione di una visione e programmazione strategica  capace di attivare percorsi funzionali a costruire o migliorare l’identità competitiva, la cultura dell’innovazione e a rafforzare, simultaneamente, la coesione sociale e il senso di appartenenza della comunità di riferimento. In tal senso, negli ultimi anni, l’esperienza del programma ECoC (Capitale Europea della Cultura) si è rivelata particolarmente significativa ed efficace in termini di legacy di lungo periodo e di impatto economico e sociale. Una forma progettuale innovativa in grado di mobilitare i potenziali di sviluppo e generare una spinta propulsiva per il rilancio e la riqualificazione dei territori su base culturale e creativa. L’Italia è stata scelta dall’Europa per il 2019 e numerose città hanno colto l’occasione per candidarsi a rappresentarla,ma solo sei di esse sono state selezionate per la fase finale:Siena,Ravenna,Perugia,Lecce,Matera e Cagliari. Il programma ECoC si presenta come un vettore dotato di un approccio metodologico che consente, di concepire e realizzare un impianto con una intelaiatura capace di mappare, combinare e tenere insieme,con la cultura come collante, in un percorso omogeneo e coerente, le diverse componenti dello sviluppo locale. Un piattaforma attraverso la quale   è possibile disegnare nuove geografie di senso  contenenti gli elementi e  le coordinate per elaborare progetti  indirizzati a favorire la partecipazione culturale attiva dei cittadini e orientare l’operato della comunità all’avvio di azioni sostenibili per il miglioramento complessivo della qualità della vita negli ambienti urbani e nei territori. Continua a leggere →

Commenti disabilitati su L’EVENTO COME ACCELERATORE DELLO SVILUPPO INNOVATIVO DEI TERRITORI

9 ottobre 2013

CULTURAL AND CREATIVE INDUSTRIES AND SOCIAL INNOVATION AT ART LAB 2013

An intense and dynamic moment comparing European experiences promoted by the Embassy Kingdom of the Netherlands, in collaboration with Creactivitas, during Art Lab 2013.

BU2U7PVCEAE-UB2

 

Social innovation has been defined in a manifesto published by Waag Society, as “the new strategies, concepts, ideas, organizations that strive to provide solutions for serious social challenges, from job opportunities and education to health care, social engagement and environmental problems”. Obviously, cultural and creative industries are strictly tied to this concept, and the panel aims to illustrate, through a series of experiences throughout Europe, how culture can contribute to various aspects of social innovation. Among other things, they focus on the necessary conditions for social innovation through culture, the opportunities of European collaboration and the social innovation in rural and urban contexts.

The session was opened by Bas Ernst, Senior Cultural Officer of the Netherlands Embassy in Rome, who illustrated the objectives of the panel. After his introduction he handed over the microphone to the moderator, Fabio Borghese, Director of the CreActivitas Lab, who explained the concept of social innovation and the scientific context of the discussion. Social innovation is a process that has the individual at its center and has the aim to improve people’s quality of life. Culture is closely connected with social innovation, because the main agents are the cultural and creative industries, which are important drivers for economic and social innovation. The process of culture driven social innovation takes place using culture and creativity as primary agents in the methodology, sense making, innovation and design, used as a tool for strategic thinking. Continua a leggere →

Commenti disabilitati su CULTURAL AND CREATIVE INDUSTRIES AND SOCIAL INNOVATION AT ART LAB 2013

24 maggio 2013

CREACTIVITAS AL BARCAMPER MAKER TOUR

Lunedì 27 maggio, nel Polo Tecnologico di Campania Innovazione, si svolgerà la seconda tappa italiana del Barcamper Maker Tour, un viaggio attraverso l’Europa in cerca dei makers e delle idee più innovative da portare alla prima edizione della Maker Faire Europea in programma a Roma dal 3-6 ottobre di quest’anno.

A5-makers 24.05 - h13.00

Creactivitas sarà presente e seguirà la giornata attraverso Twitter, per documentare tutti gli highlight dell’evento. Il meglio sarà debitamente raccolto in un report postumo di consultazione per tutti gli interessati. Creactivitas, inoltre, presenterà le attività del laboratorio all’interno dell’evento, con le schede profilo del Creative Economy Lab dell’Università degli Studi di Salerno. Passate per il nostro stand!

Il programma dettagliato è a questo link.

Commenti disabilitati su CREACTIVITAS AL BARCAMPER MAKER TOUR

15 marzo 2013

CREACTIVITAS PARTECIPA ALLA GIORNATA EUROPEA DELLA CREATIVITA’

Il progetto CreArt – rete istituita per collegare le città e le creazioni artistiche di queste – lancia la Giornata Europea della Creatività, il 21 Marzo 2013. 

logo_header
Dedicato a tutte le città che vorranno farne parte, lo “European Day of Artistic Creativity” è lieto di accogliere tutte le idee volte a promuovere la creatività come uno degli elementi di base per lo sviluppo individuale e per la creazione di una vera e propria identità europea nel campo. Uno dei principali obiettivi dell’evento è provare che la creatività è un’abilità che può essere sviluppata, arricchita ed implementata attraverso l’uso di determinate strategie.

Creactivitas non poteva farsi scappare un’occasione del genere, ecco perché lo staff si è rimboccato le maniche e ha deciso di partecipare alla giornata inserendola nelle attività di Pulse On Campus, collegandola al #DisneyMood. Per una descrizione dettagliata dell’evento – che prende il nome di “AcTOON it” – basta andare sul sito ufficiale dell’organizzazione. La giornata si svolgerà al Campus di Fisciano e sarà tutta dedicata ai ragazzi di scuole medie ed elementari, per stimolare la loro immaginazione attraverso una serie di “esercizi” di recitazione dedicati proprio ai classici Disney.

gec

Alessia De Stefano

Commenti disabilitati su CREACTIVITAS PARTECIPA ALLA GIORNATA EUROPEA DELLA CREATIVITA’