CREACTIVITAS

4 novembre 2013

RAVELLO LAB: IL NOSTRO RACCONTO

1453563_10151755101217759_1422060648_n

L’edizione 2013 di Ravello Lab, il forum Europeo promosso da Federculture e dal Centro Europeo per i Beni Culturali con l’obiettivo di fornire proposte e soluzioni alle politiche di sviluppo territoriale centrate sulla valorizzazione del patrimonio culturale e sul sostegno delle industrie creative, attraverso lo scambio di esperienze tra operatori, amministratori ed esperti italiani ed europei, quest’anno è stata dedicata ad “Innovazione sociale, imprese culturali e partecipazione dei cittadini”.

Per meglio approfondire questi temi, accanto alle due plenarie, quella d’apertura il giovedì pomeriggio e quella di chiusura il sabato mattina, si è deciso come di consueto di suddividere in panel paralleli – quest’anno due – l’andamento dei lavori, in modo tale da produrre, da diverse angolature e punti di vista, le considerazioni relative alla tematica considerata. I due panel di quest’anno sono:

  • Cittadinanza attiva e sviluppo: processi e strumenti per la valorizzazione culturale di città e territori che, partendo dalla Convenzione di Faro, si propone di esaminare le varie esperienze di Partenariato Pubblico Privato visto come nuova modalità di sviluppo territoriale a base culturale, a partire dall’opportunità di inquadrarlo nell’ambito di una progettualità integrata tra diversi livelli istituzionali che favorisca la partecipazione attiva dei cittadini;
  • Business Incubation process to support the development of cultural and creative industries (Processi di incubazione aziendale per supportare lo sviluppo delle industrie culturali e creative) che si propone di mettere a confronto, sui temi dell’incubazione e dell’accelerazione delle industrie culturali e creative, differenti realtà ed esperienze europee allo scopo di elaborare soluzioni e proposte che siano in grado di migliorare e rendere più efficaci ed efficienti i modelli di gestione, i processi di erogazione di servizi degli incubatori a sostegno della crescita complessiva e dello sviluppo competitivo dei territori. Continua a leggere →

Commenti disabilitati su RAVELLO LAB: IL NOSTRO RACCONTO

8 ottobre 2013

DA SALERNO A BARCELLONA: GRANDE SUCCESSO PER SIDE! (QUANDO I SOGNI DIVENTANO REALTA’)

Terminata la tre giorni di danza, tenutasi al complesso di Santa Sofia, a Salerno, dal 27 al 29 settembre, nonostante le difficoltà e gli immancabili imprevisti, è possibile registrare un grande successo.

1379401_10151900121549561_913925552_n

 Dal respiro internazionale e, sopratutto, innovativo, il Salerno International Dance Exchange ha visto nei suoi laboratori innovativi ben 20 protagonisti provenienti da diverse parti del mondo! Perchè innovativi? Merito della filosofia di BIDE – l’evento madre di Barcellona – alla cui base vi è un sistema non gerarchico di apprendimento. É una diversa organizzazione del lavoro, appunto, che vede tutti posti sullo stesso piano, partecipanti e organizzatori. L’interesse, infatti, non è il mero e classico insegnamento, ma la volontà di crescere insieme, di imparare dallo scambio e dal  confronto. Come tiene a precisare il direttore artistico Sebastian Garcia Ferro, che abbiamo intervistato,  una cosa fondamentale che si ricava da questa esperienza è, anzitutto, imparare ad ascoltare: «anche se si usa l’inglese per tutti, chi parla una lingua diversa dovrà ascoltare e tradurre contemporaneamente. In questo modo l’atmosfera risulta tranquilla e libera da ogni tipo di prevaricazione!» Non conta l’età, né l’esperienza: conta la predisposizione all’altro. Si lavora molto sul corpo in maniera individuale e collettiva usando la musica come elemento indispensabile per caricarsi e costruire,  in un flusso spontaneo e continuo, figure in movimento. Tutta questa teoria potrebbe apparire ai più scettici un’utopia, ma noi abbiamo potuto constatare il contrario. Infatti, abbiamo avuto modo di partecipare, in qualità di pubblico, alla prima mattinata della manifestazione.

1234182_10151900132009561_529067652_n

Lo stage aperto, non soltanto a ballerini ma anche a peformers, è un’esperienza unica di scambio culturale e di integrazione che ripropone i suoi laboratori in giro per il mondo – Fabritia D’Intimo, collaboratrice alla direzione artistica, ci ha infatti anticipato la novità dell’anno prossimo: dopo cinque anni di eventi in Europa, Bide andrà oltreoceano, in Argentina e in Brasile – e tutti partecipantinti ne sono entusiasti e rifarebbero volentieri l’esperienza.

Non resta che fare i complimenti a Bide e ad Annachiara che ha creduto nel progetto e per usare le parole di Sebastian diciamo a voi tutti: «just try, just do it

 Raffaella Estatico

Antonella Babbone

Commenti disabilitati su DA SALERNO A BARCELLONA: GRANDE SUCCESSO PER SIDE! (QUANDO I SOGNI DIVENTANO REALTA’)

21 settembre 2013

DA BARCELLONA A SALERNO: S.I.D.E. UNA TRE GIORNI DI DANZA CONTEMPORANEA.

Dal 27 al 29 settembre, nella storica location del complesso di Santa Sofia, a Salerno, prenderà vita S.I.D.E., l’evento satellite del Barcelona International Dance Exchange.

side

I veri protagonisti saranno danzatori, coreografi e performers internazionali. L’obiettivo? CONDIVIDERE! Incontrarsi, conoscersi, scambiare idee e opinioni: queste le parole chiave della manifestazione. L’evento è appunto strutturato in laboratori – le iscrizioni sono aperte fino al 21 settembre al contatto: office@bide.be – con una modalità non gerarchica di apprendimento volta a creare, così, un’atmosfera di interscambio e di collaborazione per una crescita reciproca.

L’idea nasce da una coraggiosa quanto mai determinata ragazza del nostro team: Annachiara di Donato. «Grazie al lavoro svolto con Creactivitas – afferma – ho acquisito gli strumenti e la visione necessari a sviluppare un progetto complesso e ho capito che potevo fare impresa culturale e realizzare qualcosa di importante. È una sfida che nasce dalla mia “passione civile” di voler dare alle persone del territorio un’opportunità che io ho avuto grazie al programma Erasmus ».

Una grande chance questa, di creare rete in positivo, di compiere quel passo in avanti che la nostra società aspetta da tempo. Un cambio di mentalità che diventa possibile!

Raffaella Estatico

Commenti disabilitati su DA BARCELLONA A SALERNO: S.I.D.E. UNA TRE GIORNI DI DANZA CONTEMPORANEA.

23 marzo 2013

#Disneymood – CELEBRIAMO IL N°3000 DI TOPOLINO!

Aspettando il 22 maggio per l’uscita del n°3000 di Topolino, gli studenti dell’Università degli Studi di Salerno hanno incontrato ben quattro protagonisti: Claudio Curcio, direttore del Napoli Comicon, Valentina De Poli, direttrice di Topolino Italia, Luca Boschi, fumettista e giornalista, Blasco Pisapia, disegnatore Disney.

topolino-02

L’incontro è stato preceduto da una proiezione in presenza di ospiti altrettanto speciali: i bambini dell’ Istituto Comprensivo Nicodemi del comune di Fisciano. Per la loro gioia, ma anche dei più grandi presenti in sala, lo staff #Disneymood ha proposto tre cortometraggi con Topolino protagonista: “Steamboat willie” del 1928, la prima apparizione di Mickey Mouse, “The Band Concert” del 1935, il primo cartone di Topolino a colori, e “Runaway Brain” del 1995. È stato possibile, quindi, apprezzare sia l’evoluzione del personaggio che della tecnica, notando somiglianze e differenze di un cartone dal carattere sempre attuale.

L’atmosfera così creatasi ha fatto da cornice alla presentazione dell’evento, frutto della collaborazione tra il Napoli Comicon (giunto alla 15° edizione, si terrà dal 25 al 28 aprile alla Mostra d’Oltremare)e The Walt Disney Company Italia: la mostra “MAGICA DISNEY – 3000 volte Topolino”, dal 22 marzo al 26 maggio al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli.

546766_433461450067757_1867142502_n

L’attenzione si è subito rivolta alla direttrice del settimanale Valentina De Poli, il cui lavoro comincia già all’età di 19 anni. Felice di aver condiviso per anni la scrivania con gli sceneggiatori più importanti, intrecciando relazioni per apprendere il più possibile, racconta con passione del suo ruolo attuale. Essendo Topolino un settimanale, le pause non sono ammesse e la preparazione richiede, in media, un’organizzazione lunga ben cinque mesi. Motivo per cui non esistono coppie fisse di disegnatori/sceneggiatori – come, invece, accade per i fumetti Marvel, ad esempio – e, quindi, i disegnatori sono in numero superiore. Le eccezioni, quali possono essere i numeri speciali, tuttavia, non mancano. Interessante, a tal proposito, il prossimo lavoro, frutto della collaborazione con il Piccolo di Milano: aspettando lo spettacolo Odyssey di Robert Wilson, Topolino vivrà quest’ epica avventura. La chiave del successo? Il legame sempre forte con la realtà: il fumetto di Topolino è una decodifica della realtà stessa, la parodia del contemporaneo.

Per un fumettista come Luca Boschi – tra l’altro, curatore della mostra al PAN – risulta difficile dimenticare parodie memorabili che, hanno visto protagonisti grandi disegnatori come Angelo Bioletto con L’Inferno di Topolino (1949) e Pier Lorenzo De Vita con Paperino Don Chisciotte (1956), entrambi basati sulla sceneggiatura di Guido Martina. La differenza con il presente tuttavia si fa sentire: oggi esistono scuole di scrittura che insegnano le varie tecniche narrative dimenticando di fornire una conoscenza di base. Ci sono, quindi, bravissimi sceneggiatori dal punto di vista tecnico privi, però, di una forte conoscenza del Topolino agli albori. Topolino può interpretare qualsiasi cosa, ma deve sempre rimanere Topolino!

246552_451194924962397_541318226_n

Come fare, allora, quando arriva una sceneggiatura non “ben riuscita”? La risposta è stata: “può capitare, ma bisogna comunque adempiere al proprio compito. Da tanti dettagli ti accorgi della voglia e della passione che c’è all’interno di un fumetto. Un disegnatore deve divertirsi nel mettere su una storia, nel disegnarla. E te ne accorgi subito quando questo “divertimento” c’è stato; da ogni piccolo particolare.”

Aperto il discorso sulle professionalità che ruotano intorno alla rivista, la curiosità si è spostata sul disegnatore Blasco Pisapia e sul suo percorso. Originario di Napoli, si è laureato in architettura. Disegnava le faccette di Topolino, Paperino e gli altri, negli angoli dei quaderni universitari. Prima di essere assunto ha ricevuto molte risposte negative, senza, però, mai arrendersi. La passione ti spinge ad insistere, insistere e ancora insistere! – racconta – Bisogna fare un lavoro nel quale ci si crede veramente.

paperino

Lo dimostra anche quando risponde ad una curiosità del pubblico sul motivo che lo ha spinto a scegliere di disegnare per la Disney e non i supereroi della Marvel e della Dc Comics, o i personaggi  Bonelliani, quali Dylan Dog o Tex: alla radice c’è un imprinting, al quale non ci si può sottrarre.

A conclusione dell’incontro, le proiezioni #DiseneyMood e i corti per il #DisneyLab, realizzati dagli studenti Davimus, hanno firmato con un lieto fine questa proficua giornata.

Info sui Corti:

PIEGARE LA TEMATICA

Soggetto e regia: Loris Giuseppe Nese
Cast artistico: Flavio Califano, Fortuna Imparato
Fotografia e camera: Loris Giuseppe Nese
Assistenti alla camera: Flavio Califano, Angie Avallone
Montaggio: Loris Giuseppe Nese, Flavio Califano
Colonna sonora originale: Davide Maresca
Soundtracks: “Steamboat Willie”; “Ganga Pulp” di Davide Maresca
Cantante: Fortuna Imparato
Produttori: Flavio Califano, Angie Avallone

Realizzato da “Dziga Studios” e “La Tonnara Studios”

LA DONNA E’ DONNA. ANCHE SE DISNEY

Regia: “Pupazzi e pistole” di Loris Giuseppe Nese; “La caccia” di Flavio Califano
Soggetto: Loris Giuseppe Nese
Attore: Loris Giuseppe Nese
Fotografia e camera: “Pupazzi e pistole” di Loris Giuseppe Nese; “La caccia” di Flavio Califano
Montaggio: Loris Giuseppe Nese, Flavio Califano, Angie Avallone
Soundtrack: “All’ombra di una stella” dei The Bubbles
Produttori: Loris Giuseppe Nese, Angie Avallone
Inserti: “Masculin, féminin” (1966) di Jean-Luc Godard; “The Lion King” (1994) Roger Allers e Rob Minkoff

Non dimenticate che martedì 26 marzo, alle ore 14:30, nel Laboratorio Russo il prof. Massimiliano Locanto recupererà la lezione/seminario su Fantasia, numerosi! Mi raccomando!

Raffaella Estatico

Commenti disabilitati su #Disneymood – CELEBRIAMO IL N°3000 DI TOPOLINO!